Sonymusic-Centurymedia

SENTENCED

 

SENTENCED

 

I Sentenced sono una delle band manifesto della frequente evoluzione cui un certo tipo di death metal melodico scandinavo va soggetto, incorporando elementi dark/gothic e trasformando l'iniziale impeto in un meditato e cupo metal dall'atmosfera depressiva e malinconica.

La band muove i suoi primi passi intorno al 1989 ad Oulu, in Finlandia, sotto la denominazione Deformity, per cambiarla presto in quella attuale in seguito ai fisiologici iniziali cambi a livello di line up. L'ossatura del gruppo si basa sul batterista Vesa Ranta e sui chitarristi Sami Lopakka e Miika Tenkula, anche cantante, ai quali si affianca il bassista Lari Kylmanen. Il quartetto realizza due demo tapes (nel 1990 e nel 1991) ed ottiene il primo contratto discografico con la francese Thrash Records. Il bassista viene sostituito da Taneli Jarva proprio alla vigilia della registrazione dell'album di debutto "Shadows Of The Past" (1991), che inizialmente portava il titolo "Shadows Of Past", poi corretto nelle edizioni successive, che è un ottimo esempio di death scandinavo tipico dell'epoca. Una intensa attività concertistica e l'ottimo impatto suscitato dall'esordio sia a livello di pubblico che di critica, portano la band ad ottenere un contratto più importante (con la finlandese Spinefarm) ed a pubblicare nel 1993 "North from Here", secondo capitolo discografico che conferma e ribadisce quanto di buono messo in luce sul debutto. Pochi mesi e l'ep "The Trooper", con la riuscitissima cover del classico degli Iron Maiden ottimamente "sentencedizzato", tiene vivo il nome del gruppo presso la stampa specializzata ed un pubblico sempre più affezionato e numeroso. Dalle due uscite appena menzionate è il bassista Jarva a rivestire il ruolo di cantante, essendo dotato di un timbro più adatto e potente del pur bravo Tenkula. La fama dei Sentenced cresce velocemente e la Spinefarm già non basta più: ecco che la Century Media si fa avanti e consente quello che sarà il definitivo salto di qualità per il combo scandinavo. "Amok" viene pubblicato nel 1995 e per il quartetto è la consacrazione internazionale. Il suono si è fatto più maturo e melodico, senza snaturarsi o perdere in pesantezza, ma innervandosi di basi tastieristiche e mettendo in luce una muscolarità non necessariamente death metal, votata ad una grave solennità dai tratti tanto trasognati quanto epici. Il tour europeo con Samael e Tiamat è un successo e la pubblicazione a ruota dell'ep "Love & Death" sembra voler giustamente battere il... metallo finché è caldo! Le proverbiali divergenze musicali portano Jarva a lasciare la band, sostituito dall'ex Breed Ville Laihiala, dal timbro assai più pulito e chiaro, proprio a ridosso della registrazione di "Down", album che vedrà la luce nel 1996, con Tenkula a registrare sia le sue parti di chitarra che quelle di basso, rimaste "vacanti". Prodotto dall'esperto Waldemar Sorychta (Tiamat, Unleashed, Samael, Moonspell, The Gathering, Lacuna Ciol e moltissimi altri), il quarto lp dei nostri aggiusta ulteriormente il tiro, facendo suoi anche stilemi metal classici e facendo approdare i Sentenced al proscenio internazionale più visibile e celebrato. Il bassista Sami Kukkohovi si unisce alla band dapprima in veste di session man dal vivo, e poi in pianta stabile all'atto della registrazione di "Frozen" (1998), lp che accentua ulteriormente la vena melodica degli ormai maturi Sentenced, approdati decisamente ad un sound dark/gothic metal dal notevole appeal commerciale. Il cammino verso il riconoscimento internazionale prosegue senza cedimenti anche nei successivi "Crimson" (2000) e "The Cold White Light" (2002), che da soli vendono più di tutta la restante discografia fino a quel punto pubblicata dai finlandesi messa insieme, e che aprono ai Sentenced le porte degli Stati Uniti. Lasciato alle spalle il ruvido death degli esordi, il genere che oggi il gruppo porta avanti viene appositamente ribattezzato "suicide metal", così da sottolinearne i caratteri malinconici e depressivi, ben lontani però dalla cupa pesantezza del doom: più figli degeneri del dark europeo propriamente detto, intrisi di una tristezza più mesta che rabbiosa. Posizioni di tutto rispetto nelle charts specializzate di molti paesi, il primo posto nella classifica nazionale finlandese, premi e riconoscimenti, tour sempre più estesi ed impegnativi (in giro per l'Europa anche con i Lacuna Coil), rendono la notizia che "The Funeral Album" (2005) sarà l'ultimo della carriera e segnerà lo scioglimento della band, ancora più sorprendente. Un ultimo trionfale tour, culminato con la data di casa, a Oulu (immortalata in un live), chiude l'avventura del gruppo, irreversibilmente poi dopo la prematura scomparsa del leader e fondatore Miika Tenkula per problemi cardiaci, avvenuta nel 2009.

Vincenzo Barone